Eventi

Gli eventi a Siena e dintorni

 

  • sab
    09
    Apr
    2022
    mer
    30
    Nov
    2022
    Siena

    RIAPRE AL PUBBLICO IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DEL SANTA MARIA DELLA SCALA
    Dopo due anni di chiusura, dovuta all’emergenza da Covid 19 e alla presenza di un cantiere di restauro che ha imposto la messa in sicurezza degli ambienti che ospitano le collezioni, riapre al pubblico il Museo Archeologico Nazionale all’interno del complesso museale del Santa Maria della Scala.
    Il museo, di recente assegnato come competenza ministeriale alla Pinacoteca Nazionale di Siena, divenuta museo autonomo, è allestito da marzo 2001 negli ambienti del Santa Maria della Scala ubicati ai livelli inferiori del complesso e si snoda parallelamente al percorso della strada interna, in una serie di ambienti caratterizzati dall’alternanza di cunicoli scavati nell’arenaria e ampi spazi costruiti in mattoni, come il vano noto come ‘cantinone’, identificabile con il ‘celliere grande’ dell’ospedale medievale.
    “Una riapertura che comporterà una possibilità nella diversificazione dell’offerta turistica e culturale e che potrà misurarsi da subito con i flussi di questo periodo – ha spiegato il sindaco di Siena Luigi De Mossi – questi spazi di immenso valore storico vengono restituiti alla città grazie ad un vero lavoro di squadra, Comune , Fondazione Santa Maria della Scala e Pinacoteca Nazionale, che nella persona del suo direttore, Alex Hemery, ha dimostrato da subito un grande attaccamento a questo museo e a tutto il complesso del Santa Maria.”
    “Insieme a Sigerico riapriamo oggi anche la caffetteria del Santa Maria – ha aggiunto il sindaco De Mossi – un’altra occasione per turisti e senesi di godersi il museo con un piacevole momento di pausa. Uno spazio aperto a disposizione della città che ha l’ambizione di divenire punto di ritrovo per i senesi”.
    La storia del Museo La storia del Museo Archeologico Nazionale affonda le proprie radici negli anni a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento, in seno a quelle istituzioni che, per vicende diverse, avevano visto il formarsi di nuclei di antichità. Alla costituzione di un nuovo museo archeologico lavora negli anni Venti del Novecento il giovane Ranuccio Bianchi Bandinelli, che dopo la tesi di laurea, opera catalogando il materiale archeologico, allora noto, presente in città. Il primo allestimento prende forma nei locali di via della Sapienza dove tra 1931 e 1933 vengono organizzati i materiali archeologici provenienti dall’Accademia dei Fisiocritici (rinvenimenti da città e la collezione Mieli, donata al Comune di Siena dal cavalier Leone Mieli nel 1882) e l’importante collezione Bargagli di Sarteano, lasciata in eredità allo Stato da Piero Bargagli e trasferita a Siena ad agosto 1931 per essere allestita nel museo senese in formazione. Tra 1933 e 1934, con l’aggiunta di alcuni materiali archeologici trasferiti da Firenze e della stele romana da S. Rocco a Pilli, vicino a Siena, il museo ha presa forma. L’istituzione del regio museo archeologico data ad alcuni anni dopo, al 7 ottobre 1941.
    Il patrimonio Il patrimonio archeologico è incrementato anche negli anni successivi: nel febbraio del 1951 viene donata allo Stato la collezione di Bonaventura Chigi Zondadari perché sia esposta nel museo senese; due anni dopo è acquisita la collezione di Emilio Bonci Casuccini, preziosa documentazione dell’archeologia chiusina. Nella seconda metà del Novecento il museo si accresce infine grazie a rinvenimenti fortuiti dal territorio e agli scavi condotti dall’allora Soprintendenza. Alla fine degli anni Ottanta del secolo scorso data il trasferimento del museo dagli storici locali della Sapienza ed il suo arrivo all’interno del Santa Maria della Scala: qui, infatti, va ad occupare i locali dell’antico pellegrinaio delle donne e della limitrofa ‘sala stretta’. Agli inizi del nuovo millennio data l’ultimo trasferimento: al Museo Archeologico Nazionale è infatti è destinata la parte degli ambienti posti al livello più basso del Santa Maria della Scala, appena recuperata.
    Archeologia moderna Il museo archeologico senese documenta, con la sua storia quasi centenaria, il nascere di una moderna archeologia del territorio e la memoria di uno straordinario spaccato di storia dell’archeologia che procede dal collezionismo antiquario di Sette-Ottocento, passa attraverso la formazione di nuclei collezionistici familiari e si conclude con le scoperte fortuite e frutto di campagne di scavo nel territorio. Di ciò rimane traccia nel percorso espositivo, che da un lato propone un itinerario topografico attraverso le evidenze archeologiche di Siena e del suo territorio, inteso come comprensorio che gravita tra l’area chiusina a sud-est e quella volterrana a nord-ovest, e dall’altro mantiene nella loro integrità storica i nuclei collezionistici confluiti nel museo.

  • dom
    08
    Mag
    2022
    dom
    31
    Lug
    2022
    Siena

    ALLA SCOPERTA DI UNA SIENA INEDITA, TORNA “QUATTRO PASSI NELLA STORIA”

    Alla scoperta della nostra città attraverso percorsi storici e artistici. Dopo il successo della passata edizione proseguono i tour di “Quattro passi nella storia” organizzati per questa sessione primaverile in collaborazione tra Comune di Siena, Associazione Centro Guide Siena, Agt e Federagit Siena.

    Sei appuntamenti con partenza da Palazzo Pubblico, tutte la domenica mattina alle ore 10.30. Due itinerari speciali dedicati ai ragazzi. Ogni evento sarà gratuito e con noleggio auricolare incluso.

    “Volentieri abbiamo deciso di far parte di questo progetto pensato dalla Biblioteca Comunale degli Intronati”. Questo il commento di Associazioni Centro Guide Siena , Agt e Federagit Siena.

    “Ogni passeggiata – proseguono le guide – dovrà mettere in luce angoli nascosti della città alla scoperta delle nostre tradizioni e della nostra storia. Mettiamo volentieri la nostra professionalità a disposizione a disposizione di tutti coloro che vorranno conoscere e vedere Siena come di solito non siamo abituati a vedere”.

    Al via domenica 8 maggio con la prima passeggiata “Siena nel periodo Barocco”. Siena nasconde gelosamente testimonianze importanti del XVII secolo, tutto ruota intorno ad un papa Alessandro VII, profondamente legato a Siena e fine conoscitore d’arte, alla famiglia Chigi e alla loro attività di promotori dell’arte e committenti. Prenotazione obbligatoria al numero telefonico 3348418736 o alla mail federagitsiena@gmail.com.

    Si prosegue domenica 22 maggio con “Com’è nata Siena”, itinerario per ragazzi alla scoperta delle origini della città. Monumenti, storie, simboli e personaggi alla ricerca di un passato avvolto nel mistero. Prenotazione obbligatoria al numero telefonico 3348418736 o alla mail federagitsiena@gmail.com

    “Siena la tempo di Dante” è invece il tema della passeggiata del 5 giugno. La Siena del tempo di Dante tra torri, castellari e sanguinose lotte familiari. Cosa ancora rimane della Siena del Duecento nella Siena del governo dei Nove? Prenotazione obbligatoria al numero telefonico 0577 43273 o alla mail info@guidesiena.it.

    Luci e ombre della Repubblica: aristocratici, pontefici e principi (Pandolfo, Giangaleazzo Visconti, Pio II, ecc) saranno loro i protagonisti di domenica 19 giugno “Siena nel Rinascimento”. Prenotazione obbligatoria al numero telefonico 0577 43273 o alla mail info@guidesiena.it.

    “Compromessi e promesse. Siena nell’Età Medicea (1557-1737)” è il tema dellas passeggiata del 17 luglio. Dopo l’assedio del 1554/55 e la caduta della Repubblica, Siena sarà caratterizzata da momento di grave crisi storico artistica. La città diventa “feudo ligio nobile e onorifico” del duca Cosimo, ma i cittadini cercheranno di tenere alto l’onore dei tempi passati e malgrado qualche compromesso per il potere e qualche promessa mancata, si conservò l’autonomia amministrativa e la piena individualità culturale. Un percorso che attraversa due secoli di arte e tradizione. Prenotazione obbligatoria al numero telefonico 0577 43273 o alla mail info@guidesiena.it.

    Ultimo appuntamento domenica 31 luglio con “Vincitori e vinti, cavalli, cavalieri … un inno alla Pace e al bene comune”, itinerario per ragazzi. Coraggiosi paladini, affascinanti guerrieri, vittorie e sconfitte…non mancheranno i racconti meno conosciuti, passaggi segreti e personaggi curiosi….una passeggiata attraverso i secoli…il bene trionfa sempre. Prenotazione obbligatoria numero telefonico 0577 43273 o alla mail info@guidesiena.it.

  • ven
    17
    Giu
    2022
    Siena

    LA 1000 MIGLIA 2022 RITORNA A SIENA

    Venerdì 17 Giugno la Corsa più bella del mondo farà ritorno nella Città delle diciassette Contrade e sosterà in Piazza del Campo
    Siena ritrova la 1000 Miglia: dopo l’inedito transito autunnale dell’edizione 2020, la Freccia Rossa si presenta nella sua versione quasi estiva di Giugno inoltrato: l’annuncio è stato dato oggi nella sala delle Lupe di Palazzo Pubblico a Siena, alla presenza del sindaco Luigi De Mossi, dell’assessore al Commercio e Turismo del Comune di Siena, Stefania Fattorini, del presidente di 1000 Miglia, Beatrice Saottini, e del vice presidente del Comitato operativo 1000 Miglia 2022, Giuseppe Cherubini.
    Dopo le prime due giornate di gara e la conclusione della seconda tappa nella splendida cornice di Via Veneto a Roma, sin dalle prime ore di Venerdì 17 Giugno le auto inizieranno la risalita verso nord. Partita da Roma, la terza giornata regalerà agli equipaggi in gara l’emozione della sosta pranzo in Piazza del Campo. Il convoglio, dopo aver attraversato la Val d’Orcia, dove sono previste le Prove Cronometrate dedicate alla Città di Siena, giungerà nella Città del Palio attraverso la via Cassia, strada Massetana Romana, strada Massetana, piazzale Marcello Biringucci e Porta San Marco. Procedendo nelle centrali vie cittadine (via delle Sperandie, via Tito Sarrocchi, via San Pietro, via Casato di Sopra, Via Casato di Sotto) le auto si affacceranno su “Il Campo”, la spettacolare conchiglia che accoglierà le oltre 400 auto storiche a partire dalle 12:15. Terminato il pranzo, la sosta per ogni auto è prevista di circa 45 minuti, gli equipaggi si presenteranno al Controllo Orario di ripartenza per lasciare la città attraverso via Rinaldi, via Banchi di Sotto, via Banchi di Sopra, via dei Montanini, viale Giuseppe Garibaldi, viale Don Giovanni Minzoni, viale Giuseppe Mazzini, sottopasso stazione FFSS, via Achille Sclavo, via Fiorentina e via Cassia.
    Oltre che dalle Ferrari moderne (costruite dal 1958 a oggi) partecipanti al Ferrari Tribute 1000 Miglia 2022, il convoglio delle vetture storiche (costruite dal 1927 al 1957) sarà preceduto dall’arrivo delle auto elettriche iscritte alla 1000 Miglia Green e seguito, in coda, dal gruppo di Supercar e Hypercar moderne – opere uniche di design e tecnologia – della 1000 Miglia Experience.Le oltre 100 Ferrari moderne offriranno una speciale anteprima, transitando in città per un Controllo Timbro intorno alle 11:15 mentre la 1000 Miglia 2022 saluterà la città con il passaggio delle auto di 1000 Miglia Experience 2022 verso le 16:30.
    Le auto, dirette prima verso la Versilia e poi al Passo della Cisa, concluderanno la tappa con l’arrivo serale a Parma.

    1000 Miglia 2022
    La 1000 Miglia 2022, che celebra i 95 anni dalla prima edizione della Corsa del 1927, tornerà ad attraversare l’Italia in senso orario e, con partenza e arrivo da Brescia, farà tappa nell’ordine a Cervia- Milano Marittima, Roma e Parma.
    Gli oltre 400 esemplari storici partecipanti alla Corsa più bella del mondo sono tutti, come richiesto dal Regolamento di Gara, in possesso dell’iscrizione al Registro 1000 Miglia, la certificazione che ne garantisce l’autenticità e la storicità. Ammessi al via anche alcuni esemplari di particolare pregio iscritti in Lista Speciale.
    In contemporanea, per il terzo anno consecutivo e per continuare a porre l’attenzione sul tema della mobilità sostenibile, si svolgerà la 1000 Miglia Green, una sfida per le vetture ad alimentazione alternativa che dovranno percorrere il tracciato di gara. La manifestazione sarà come sempre preceduta dal Green Talk, il tavolo di confronto tra i maggiori rappresentanti del settore automotive, del comparto infrastrutture e delle istituzioni in un dialogo volto a definire le tendenze della mobilità del futuro.

  • gio
    21
    Lug
    2022
    sab
    23
    Lug
    2022
    Siena Fortezza Medicea

    CONVERSAZIONI CARBON NEUTRAL

    Dal 21 al 23 luglio la Fortezza Medicea di Siena ospiterà la seconda edizione delle ConversAzioni Carbon Neutral, le giornate che celebrano la carbon neutrality del territorio senese. L’appuntamento sarà il momento per approfondire tutto quello che riguarda la sostenibilità ambientale e sociale di un territorio per renderlo neutrale dal punto di vista delle emissioni di CO 2. L’evento è organizzato dall’ Alleanza Territoriale Carbon Neutrality: Siena con la collaborazione di Vivi Fortezza dell’ Associazione Propositivo (Pro+) .

    La tre giorni vedrà l’alternarsi in Fortezza di dibattiti, eventi, laboratori e aree tematiche differenti – da scienza e tecnologia, all’educazione, la cultura e la musica – per parlare di sostenibilità e innovazione.

    Oltre a far conoscere e promuovere le attività dell’Alleanza Carbon Neutral Siena, la manifestazione si pone l’obiettivo di rispondere alla domanda: cosa rende un territorio carbon neutral?

    Le ConversAzioni, nate l’anno scorso per celebrare i primi dieci anni di carbon neutralità del territorio senese, sono un evento che lega l’avanguardia nelle sfide alla sostenibilità ambientale con quella nelle forme d’arte, la promozione del territorio attraverso un modello compartecipativo che valorizzi le iniziative, le progettualità e le competenze già presenti nel territorio senese. L’occasione giusta per approfondire tutto quello che riguarda la lotta al cambiamento climatico.

    L’evento vuole essere un percorso per la sensibilizzazione e la divulgazione scientifica su temi ormai centrali nella vita di ogni giorno. Creare un dibattito positivo attorno alle tematiche ambientali, al consumo e allo smaltimento consapevole è la strada per cui si  possono far crescere le nuove generazioni con un occhio all’ambiente più attento e critico, ma allo stesso tempo con uno spirito innovativo e coinvolgente.

    Il programma giornaliero della manifestazione prevede laboratori al mattino, dibattiti e talk nel pomeriggio ed eventi musicali la sera.
    Il piazzale della Fortezza ospiterà i concerti di Achille Lauro il giorno 21 luglio, Calibro 35 il giorno 22 luglio e Madame il 23 luglio.
    È possibile acquistare i biglietti per i concerti su Ticket One ( https://www.ticketone.it/ ) e Dice (https://dice.fm/ ) :

    Achille Lauro
    www.ticketone.it/event/achille-lauro

    dice.fm/achille-lauro

    Calibro 35
    dice.fm/calibro35
    Madame
    www.ticketone.it/event/madame

    dice.fm/madame

    Per conoscere il programma delle ConversAzioni Carbon Neutral 2022 , in via di definizione, è possibile consultare gli aggiornamenti sul sito www.carbonneutralsiena.it e la pagina Facebook https://www.facebook.com/sienacarbonneutral .

  • sab
    01
    Ott
    2022
    dom
    27
    Nov
    2022
    Siena

    SIENA AWARDS 2022

    Dopo il successo 2021, una nuova edizione con mostre, iniziative e grandi nomi della fotografia internazionale
    Siena Awards 2022: dal 1° ottobre al 27 novembre torna il Festival della fotografia e delle arti visive
    Siena. Torna il Siena Awards, uno degli appuntamenti internazionali più attesi nel mondo della fotografia e delle arti visive. Dal 1° ottobre al 27 novembre, la città di Siena sarà nuovamente luogo di incontro per migliaia di fotografi professionisti, appassionati e giovani talenti e al centro di un programma che prevede, workshop, photo tour, seminari, conferenze, proiezioni e visite guidate alla scoperta del territorio.

    Dopo un’attesa durata due anni, tornerà finalmente anche la cerimonia di premiazione del SIPA, uno degli eventi più attesi, durante il quale famosi fotografi provenienti da tutto il mondo si contenderanno l’ambito trofeo Pangea. Quest’anno saranno presenti alla serata illustri ospiti internazionali, quali Steve Winter, Ami Vitale, Dan Winters, Kathy Moran, storica responsabile della fotografia della rivista statunitense National Geographic, e alcuni photo editor dei principali quotidiani mondiali.

    L’edizione 2021 ha fatto il giro del mondo. L’edizione 2021 del Siena Awards sarà ricordata per il successo planetario ottenuto dalla manifestazione che, grazie a una fotografia, ha cambiato il mondo a un bambino siriano. La cassa di risonanza generata dalla premiazione dell’immagine intitolata “Hardship of Life“, scattata dal fotografo turco Mehmet Aslan e vincitrice assoluta del Siena International Photo Awards, ha scatenato la solidarietà del mondo intero permettendo al piccolo Mustafa, 6 anni, e al padre Munzir, 35 anni, vittime delle gravissime conseguenze della guerra in Siria, di arrivare in Italia per curarsi presso il Centro Protesi Vigorso di Budrio che si occuperà presto dei loro interventi protesici.
    I grandi nomi della fotografia del Siena Awards 2022. Il fotografo indiano Danish Siddiqui, rimasto ucciso nel 2021 in Afghanistan; Ami Vitale, fotografa del National Geographic; Dan Winters, icona della fotografia internazionale, e Peter Mather, della International League of Conservation Photographers. Sono loro i protagonisti delle quattro mostre personali che saranno allestite in varie location del centro storico di Siena e in quello di Sovicille oltre alle collettive del Siena Awards dedicate, come ogni anno, ai tre premi fotografici: “Siena International Photo Awards”, “Creative Photo Awards” e “Drone Photo Awards”che riuniscono scatti e video straordinari in arrivo da tutto il mondo.
    Info e social Siena Awards. Tutte le mostre saranno aperte, dal 1° ottobre al 27 novembre 2022, il venerdì, dalle ore 15 alle 19, e il sabato e la domenica, dalle ore 10 alle 19. Il festival Siena Awards è promosso dall’associazione culturale Art Photo Travel in coorganizzazione con il Comune di Siena, con il patrocinio di Ministero degli Esteri, Università degli Studi di Siena, Regione Toscana, Camera di Commercio di Siena e Arezzo e Comune di Sovicille. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il sitowww.sienawards.com e seguire i canali social su Facebook, sienawards; Instagram, @sienawards; Twitter, Siena Awards e YouTubeSiena Awards.